ilpetilino.it

Blog

In commercio abbiamo ad oggi molti più modelli di amaca di quanti ce n’erano un tempo. Diciamo che la tradizionale amaca di tela che viene appesa a due alberi vicini è ormai quasi del tutto superata, possiamo trovare anche una serie di strutture che non necessitano effettivamente di alcun albero. Ovviamente se cambiamo la struttura e il modello cambiano di conseguenza anche i prezzi di queste amache, ma se volete un’amaca da posizionare in casa o anche in giardino, è bene conoscere a fondo cosa ci può offrire il mercato. Diciamo che sarà sicuramente utile saper distinguere prima di tutto tra le varie amache di diversa costituzione, e quindi possiamo capire quale può essere la più adatta a noi. Le amache ad oggi vengono progettate principalmente in due tipologie diciamo, due categorie principali in cui possiamo dividerle. Amaca con struttura autoportante e amaca con struttura classica.

L’amaca con la base di supporto di tipo autoportante ha in genere anche un’intelaiatura rigida, quest’ultima infatti ha la funzione di sorreggere la struttura e anche il peso della persona. In questo senso un’amaca del genere può essere di base più pesante e ingombrante rispetto a quella classica che abbiamo in mente, ma di sicuro si contraddistingue per una cura del design che diventa molto accattivante e curato, un bellissimo elemento d’arredamento. Ovviamente questi modelli di amache comunque hanno anche delle diverse dimensioni, se le dimensioni lo consentono, si possono tranquillamente trasportare e andare a collocare dove più ci piace, purché ci sia lo spazio sufficiente.

Diciamo che, se avete deciso di acquistare un’amaca con base autoportante oppure un’amaca con tela classica è sicuramente fondamentale montare alla perfezione tutta la struttura. Un’amaca ben piantata oltre a rendere confortevole il vostro relax vi può garantire anche la massima sicurezza. Le amache con struttura autoportante necessitano di un montaggio spesso diverso, che viene indicato sulle istruzioni, che varia in base al modello e alle sue caratteristiche.

La prima cosa da considerare per l’installazione di un’amaca di tela tradizionale è invece la distanza tra le due estremità, Questa distanza è fondamentale per distendere la struttura in maniera adeguata, e quindi per non farla risultare né troppo molle ma nemmeno troppo rigida quando vi ci stenderete. Se si vuole montare l’amaca sul muro, è bene munirsi di trapano e bulloni per il fissaggio. Assicuratevi sempre di usare viti che possano arrivare in profondità, in modo tale che non si sfilino. Per avere tanti altri consigli cliccate sul link Amacamigliore.it.